Autori / Authors

Marco Giovenale

Marco Giovenale

Marco Giovenale vive a Roma, dove lavora come redattore e traduttore. Ha fondato (ed è redattore di) «bina» (2003), gammm.org (2006), puntocritico.eu (2011), eexxiitt (2011), e asemicnet.blogspot.com (2011). È redattore di blog e collane di testi di ricerca. Due libri e due ebook recenti (fra altri, precedenti) sono: Il paziente crede di essere (Gorilla Sapiens), anachromisms (Ahsahta Press), white while (Gauss PDF), Numeri morali (gammm). Per La camera verde ha tradotto Billy the kid, di Jack Spicer (a cura di P.Vangelisti).


Marco Giovenale lives in Rome, where he works as an editor and translator. He’s founder and editor of
bina (2003), gammm.org (2006), puntocritico.eu (2011), eexxiitt (2011) and asemicnet.blogspot.com (2011). He’s editor of blogs and series of experimental texts. Two books and two ebooks (among others): “Il paziente crede di essere” (Gorilla Sapiens), “anachromisms” (Ahsahta Press), “white while” (Gauss PDF), “Numeri morali” (gammm). For La camera verde he translated Jack Spicer’s “Billy the Kid” (ed. by P.Vangelisti).

*

moos

Marco Giovenale non legge più romanzi (tranne i classici), invece è un lettore di Jack Spicer, John Ashbery, Christophe Tarkos, Jean-Marie Gleize, di Ranxerox e Doctor Strange. Tendenzialmente usa LibreOffice, nonostante tutto. Niente latte, solo soia (no ogm). Si occupa di scritture di ricerca in prosa (in prosa), pochissimo di poesia, in nessun caso di romanzi. È uscito dal tabagismo nel 1992. Guida una Y10 del 1987. Ha moglie e figlia. Nel tempo libero, ossia sempre, non ha tempo libero, mai, e fa lo smagazziniere-rottamaio-traslocatore. È fotografo. Fa scritture asemantiche e disegni. Redige schede di lettura, a pagamento. Traduce dall’inglese, ma sta perdendo il vizio. Non si interessa di romanzi. Infine, non legge romanzi. Non gli interessano. Tranne i classici.

knete

Feuille/Foglio 1, Giulio Marzaioli, Dedans / Maison / Dehors | Interno / Casa / Esterno
Annunci