Approfondimenti / Insights/Recensioni / Reviews

«Forrest Gander, intime reciprocità per cantare la perdita» Alberto Fraccacreta, il manifesto

POESIA. Un’intervista all’autore statunitense a proposito della sua silloge «Essere con».

Premio Pulitzer nel 2019 con la silloge «Be with», ora tradotta in Italia dalle edizioni Benway Series

Un’intervista di Alberto Fraccacreta [il manifesto]
Edizione del 3 settembre 2020

La poesia è spesso una questione di contatto materiale con l’esterno. Lungi dal perdersi in un’ineffabile (e romantica) impalpabilità, attraverso la forza duttile della lingua essa crea continue scintille di senso, capaci di farci intravedere il mondo nella sua concretezza. È il caso del poeta californiano Forrest Gander, classe ’56, professore emerito in Letterature comparate alla Brown University di Providence, e premio Pulitzer nel 2019 con la silloge Be With, ora tradotta da Alessandro De Francesco (Essere con, più 6 fotografie di Michael Flomen, Benway Series, pp. 192, euro 20). Sentimento e scienza, etica e ambientalismo sono circonfuse in un dettame zigrinato, tiglioso che restituisce alla letteratura una sorprendente effettività.

Può guidarci nella lettura di «Be With»?

Il titolo proviene da una lirica della mia defunta moglie, la celebre poeta americana Carolyn D. Wright. Lo intendeva come una specie di scorciatoia per be with me o let’s be with each other. Tutti scopriamo che le nostre vite sono prive di significato se non per il fatto che ci troviamo in relazione con gli altri. Quando lei è morta improvvisamente, tale consapevolezza è svanita dalla mia vita. Per trent’anni la mia esistenza era stata una cooperazione con lei. Il mio essere era così profondamente infuso dal suo genio e dalla sua tenerezza, che mi sembrava di aver perso la mia intera sostanza. Le poesie nel mio Be With lottano per trovare un linguaggio oltre il normale, un metalinguaggio per metabolizzare la perdita e l’amore.

[continua a leggere sul Manifesto]


Forrest Gander, Essere con = Be With. Con 6 fotografie di / With 6 photographs by Michael Flomen
Ordina il libro

Traduzione: Alessandro De Francesco. Colorno : Tielleci, 2020. – 192 p. : ill. ; 19,5 cm. (Benway Series ; 14). 978-88-98222-47-6 : 20€

One thought on “«Forrest Gander, intime reciprocità per cantare la perdita» Alberto Fraccacreta, il manifesto

  1. Pingback: Nota sulla traduzione di «Be With» di Forrest Gander | Benway Series

I commenti sono chiusi.